A+ R A-
28 Mag

I 14 artisti "dicono di Max"..

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sul sito ufficiale di Max è stato pubblicato un articolo in cui, ciascuno dei quattordici artisti impegnati nei duetti di Max 20, hanno detto "la loro" su Max e gli 883.

 

Claudio Baglioni (ha duettato in "Come mai") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"L'ho detto subito a Max, quando ci siamo visti per cantare il suo pezzo. Le canzoni, oltre a essere tante cose, sono belle o brutte. Ma su questo non si finirebbe mai di discutere. Specie se poi hai scritto tanto (e bene) come lui. Perciò, pure se già si capisce, non dirò la mia. In questo caso sono anche un po' di parte. Amico, ammiratore e ora partecipante. Ma una cosa la voglio affermare: Come Mai è una canzone perfetta. Non una nota o una sillaba in meno o di più. Che puoi volere ancora dalla musica delle emozioni e dall'intuizione felice di un compositore?"

 

Edoardo Bennato (ha duettato ne "La dura legge del gol") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Quando l'Italia si svegliò, un giorno di maggio del '92, con la notizia della prima di quelle, che sarebbero purtroppo poi diventate note come la "stagione delle stragi"... non so perchè, ma mi venne in mente una "canzonetta" che faceva più o meno così: "hanno ucciso l'uomo ragno, chi sia stato non si sa, forse quelli della mala, forse la pubblicità". E' chiaro che non c'era nessun nesso di casualità tra le 2 cose ma quella "canzonetta", in quell'epoca, aveva in se una sorta di presagio lungimirante... Max è un amico. Da ragazzino veniva ai miei concerti... a Pavia... gli voglio bene ed ho stima di lui. E' stato un piacere cantare "la dura legge del goal"... metafora della dura legge della vita! Voglio anche ringraziarlo di aver cantato nel mio album "la fantastica storia del pifferaio magico"... Il rock sia sempre con te, Max."

 

Cesare Cremonini (ha duettato ne "Gli anni") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Se ti perdi in un deserto, quindi in ogni provincia d'Italia, la persona giusta da chiamare è Max. In ogni sua canzone esiste una cartina geografica con annesso manuale di sopravvivenza. Grazie a lui Cisco e tutti quei ragazzi che abbiamo incontrato e frequentato almeno una volta nella vita hanno avuto un volto e una voce. Il suo approccio musicale è la dimostrazione del fatto che ciò che conta davvero, per chi vuole lasciare un segno nel mondo della musica, è il linguaggio. Max possiede il suo e questo lo ha reso unico. "Gli anni" è una canzone da cantare in motorino sempre in due, o ricordando un tempo in cui, per citare una frase, "forse si stava meglio". Ho amici che si sono commossi quando ho detto loro che avrei cantato questa canzone insieme a Max Pezzali. E farlo ha emozionato anche me."

 

Jovanotti (ha duettato in "Tieni il tempo 2013") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Che bella storia quella degli 883! Che bello farne parte in qualche modo: come amico, come compagno di scuderia per molti campionati decisivi, come giocatore dello stesso squadrone allenato da Claudio Cecchetto, come amico, come collega, e anche come fan, come ammiratore di una vera e propria invenzione di linguaggio, di un modo di scrivere nuovo. Sia chiaro, gli 883 sono il classico esempio di una cosa che nessun talent show avrebbe mai preso, che nessuna casa discografica avrebbe mai messo sotto contratto" Ci voleva Claudio, ci volevano gli anni storici di Radio Deejay quando era proprio il nuovo, il fuori dagli schemi ad attrarre l'attenzione di quel gruppo di lavoro. Lo sanno tutti che "hanno ucciso l'uomo ragno" aveva fatto il giro dei 7 direttori artistici ed era stata scartata da tutti, e questo, sia chiaro, non toglie nulla al valore dei direttori artistici, che qualche bel colpo lo hanno beccato pure loro, ma non questo, perchè gli 883 erano davvero diversi, non assomigliavano a niente di già sentito, erano qualcosa di veramente nuovo. Se ne era accorto, qualche anno dopo, Edmondo Berselli, uno degli uomini più intelligenti del suo tempo, e ci volle lui a fare in modo che fosse più chiaro a tutti che la scrittura di Pezzali raccontava un mondo vero, vitale, interessante, mutato (insieme a Mauro nei primi album, figura importante, ma di questo vi diranno loro due). Gli 883 sono quello che rende il "pop" il linguaggio più importante in circolazione, ed fanno quello che il "pop" italiano ultimamente non riesce più a fare, troppo schiavo di un'idea di canzone legata al concetto di bella voce e bella presenza, le due cose che col pop c'entrano meno. Nel POP bisogna esprimere un immaginario, bisogna fare quello che gli anglosassoni dicono con una parola chiarissima: "rapresent". Le canzoni degli 883, e quei due ragazzi, ha rappresentato per 20 anni un mondo autentico in modo autentico, artistico, poetico. E' tutto rock'n'roll ed è bello starci dentro. Viva gli 883 W Max!!!"

 

Elio (ha duettato in "Nord sud ovest est") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Massimo Pezzali è un amico e un uomo molto cordiale. Ho accettato con piacere il suo invito a cantare la canzone sui punti cardinali e mi sono pure divertito."

 

Fiorello (ha duettato in "Sei un mito") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Me li ricordo ancora gli 883 agli inizi. Era la fine degli anni 80 e c'era ancora qualche spallina in giro, per intenderci le giacche alla Goldrake. Da lì a poco tutto sarebbe cambiato . Lorenzo Cherubini irrompeva sulla scena italiana con Gimme five. Io arrivavo fresco fresco dai villaggi turistici e ancora facevo fatica ad usare le scarpe. Fui catapultato al Rolling Stones di Milano . Era di pomeriggio . Doveva esibirsi Jovanotti . Un delirio. Ma prima dell'esibizione di Lorenzo eccoli !!! Gli 883 ! Non ricordo se si chiamassero già così . Entrarono in scena. Max era magrissimo sembrava Raf, mentre Mauro era più fonato di Angelo Sotgiu dei Ricchi e Poveri. Si esibirono in un pezzo rap, Il titolo mi pare fosse " uan ciu' uan ciu'" meglio scriverlo così ,rende di più l'idea. Diciamolo pure, non proprio un capolavoro. E meno male !! Claudio Cecchetto consigliò loro di provare altre vie.... E così fu : scrissero il loro primo grande pezzo: "Non me la menare"! Erano nati gli 883!! Fu un tripudio di successi , pezzi incredibili, tutti raccolti in questo stupendo Cd in cui io mi sono divertito a cantare alcune strofe di “Sei un mito” C’è anche la mitica "Come Mai" che nel ‘93 ho avuto il piacere di incidere insieme a Max , vincendo l'unica edizione del "Festival italiano" presentato dal grande Mike ! Che dire, una fantastica storia . Se Cremonini dice che ogni pezzo degli 883 e ' una mappa , una carta geografica, per me invece ogni pezzo è un soggetto, un soggetto per un film!! Grazie per avermi reso partecipe di questa avventura! Continua così Max Questo è solo l'inizio!"

 

Gianluca Grignani (ha duettato in "Rotta x casa di Dio") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"È stato un vero piacere cantare quel brano di Max, anche perché vivo nella stessa sua zona da qualche anno e capisco benissimo la sensazione che voleva esprimere. Sensazione che trovo attualissima: un vero piacere sincero e genuino. così come è lui, la canzone e tutta la sua musica!"

 

Nek (ha duettato in "Nessun rimpianto") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Ho conosciuto Max Pezzali a Castrocaro nel 1991,data che ha segnato il mio e il suo debutto. All'epoca era con gli 883 cantava un pezzo intitolato "Non me la menare" e si percepiva che quella sarebbe stata la forza di Max l'immediatezza delle melodie la semplicità e l'impatto dei testi sempre attuali e con un linguaggio vicino al mondo dei ragazzi A lui dico grazie!! Per avermi chiamato a cantare un pezzo della sua vita, della sua musica, del suo mondo che è anche il mio, il nostro."

 

Raf (ha duettato in "Sei fantastica") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Una moto, una strada, viaggiare esplorando il mondo, sempre con una storia da raccontare. Un senso di leggerezza, di libertà, immaginazione e concretezza. La musica di Max Pezzali esprime tutto ciò con forza esplosiva, usando un codice espressivo inequivocabile e così immediato che sembra ricavato dal DNA dell’essere umano. “Sei fantastica” è una delle tante canzoni di Max a partire dagli 883 ad oggi che ti ritrovi magicamente a cantare dopo il primo ascolto, come se fosse da sempre esistita in qualche angolo della tua mente. Fiero di esserci a celebrare questi fantastici primi 20 anni."

 

Eros Ramazzotti (ha duettato ne "Lo strano percorso") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Max è un amico e un bravissimo cantautore, la sua semplicità nel vivere il successo deve essere un esempio per tutti. Ciao "amico-moto""

 

Francesco Renga (ha duettato in "Eccoti") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"Ricordo Max ai suoi esordi quando anch’io con i Timoria iniziavo la mia carriera discografica. I nostri percorsi allora erano molto differenti, ma ho ancora perfettamente chiara la sorpresa della forza dirompente di quella sua vena pop che ha poi lasciato un segno indelebile nella musica italiana.

 

Giuliano Sangiorgi (ha duettato in "Ti sento vivere") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

"La musica porta sempre con sè il ricordo di qualcosa e quando si appiccica alla pelle del tempo è impossibile che non entri a far parte anche della tua vita. Max e gli 883 hanno dato voce ai sentimenti di un'epoca che non c'è più ma che riprende vita ogni volta una loro canzone parte alla radio. È come ritrovarsi bambini e ricordarsi che tutto va al solito posto quando è una canzone a mettere pace."

 

Davide Van De Sfroos (ha duettato in "Come deve andare") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]

Max, uno di quegli amici che non vedi molto spesso, ma che sai che c’è. Tutte le volte che l’ho chiamato lui ha risposto ed è venuto trascinandosi dietro il suo entusiasmo cronico per tutto. Una persona con cui è bello condividere molte cose perché da molte cose è attratto.

 

Antonello Venditti (ha duettato in "Quello che capita") - [IMMAGINE SU FACEBOOK]
"È stato forte!

 

 

Seguici sulla nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/q.quellochecapita.

 

 

ultima modifica: Giovedì 30 Maggio 2013 06:24

Q Official Store

La nuova Maglia Q

Il Cappello Q blackedition
I miei Ordini
I miei dati

MaxPezzali

QForum

Entra

Iscriviti

Regolamento

Meeting ai concerti

Sondaggi

Nord Sud Ovest Band